ULTIMO AGG. 18/12/2004 




 
Home Page
Presentazione
Glossario
Acronimi ed
    abbreviazioni
Simulazione
Board games
Leggi della P.C.
Augustus
Linee-guida
    Piano Comunale
    di P.C.
Atto monocratico
    C.O.C.
Curriculum vitae
    et studiorum
Scrivi

 

Questo mio sito incentrato sul Servizio nazionale della protezione civile e sulla legge di riforma delle autonomie locali, indispensabile per comprendere la "ratio" della pianificazione di emergenza, non ha l'ambizione di fornire comunque un quadro completo in tutti i particolari della materia, né tantomeno una sistemazione sicura e destinata a resistere nel tempo.
Nell'attuale fase di applicazione della citata normativa, mi sono infatti ben guardato dal creare una serie di false certezze, limitandomi piuttosto a prospettare i problemi per quello che sono, ossia aperti agli sviluppi più diversi ed insuscettibili di ritrovare la loro soluzione sulla base di una pura logica giuridica.
Per taluni aspetti, anzi, non si possono nemmeno stabilire tutti i dati dei problemi stessi, che in buona sostanza dipendono dal modo in cui lo Stato, le Regioni, le Province, la Città Metropolitane, le Comunità montane ed i Comuni si stanno riorganizzando e vanno ridefinendo i reciproci rapporti nell'applicazione della legge 24 febbraio 1992, n. 225 istitutiva del servizio nazionale di protezione civile.
Nella legge citata è dato osservare come, nell'individuare le finalità che sottendono all'istituzione del Servizio, alla tutela dell'integrità della vita, dei beni e degli insediamenti, si è affiancata la tutela dell'ambiente dai danni o dal semplice pericolo di danni derivanti da calamità naturali, catastrofi ed altri eventi calamitosi. Ciò peraltro ha determinato sicure interferenze con le competenze di cui alla legge 8 luglio 1986, n. 349, istitutiva del Ministero dell'Ambiente.
Questa constatazione mi soccorre nel dimostrare che la P.C. è una materia per la quale si conferma in maniera sempre più chiara la funzione di tipo trasversale di chi la esercita, rispetto a competenze ordinariamente assegnate ad altri settori.
Il Legislatore del 1992 si è reso consapevole, in buona sostanza, che la Protezione Civile è per sua natura un sistema aperto. Tale constatazione esterna il mio personale punto di vista sulla legge, che merita il plauso dei tecnici se non altro perché ha avviato a soluzione, anche se in maniera non definitiva, l'annoso problema degli organi, dei ruoli e delle competenze in situazioni di emergenza determinate da calamità. Non v'è dubbio che il quadro normativo va ulteriormente completato con altre norme, fra le quali le leggi regionali a cui rinvia il 4° comma dell'art. 12, già ora un punto di forza rispetto alla pregressa regolamentazione della Protezione Civile.
Il ruolo assunto dalle Regioni e dalle Province, è stato ridisegnato ancor di recente per effetti dell'art. 108 comma 1° lettere a) e b) del D.lgs. n. 112/98. L'Ente Regione si riappropria della funzione istituzionalmente tipica, peraltro richiamata dall'art. 4 del D.lgs. 18 agosto 2000, n. 267; ossia, è tenuto a predisporre ed attuare i programmi regionali di previsione e prevenzione, in armonia con le indicazioni dei programmi nazionali ed a favorire, inoltre, l'organizzazione di strutture comunali di Protezione Civile (comma 2° art. 15). La Provincia invece guadagna la menzione nell'art. 13 della legge 225/92, grazie presumibilmente ai disposti di cui agli articoli 19 e 20 del D.lgs. n. 267/2000 e dovendo partecipare all'organizzazione ed all'attuazione del Servizio nazionale di protezione civile, si vede assegnare opportunamente compiti di rilevazione, raccolta ed elaborazione dei dati interessanti la citata funzione e deve predisporre i programmi provinciali di previsione e prevenzione occorrenti, per poi procedere alla loro realizzazione, in armonia con i programmi nazionali e regionali. Per la provincia non si è pronunciata la parola "emergenza" sino a che con l'art. 108 del D.lgs. n. 112/98 comma 1° lettera b, non le è stata accollata la predisposizione del piano provinciale di emergenza, sulla base degli indirizzi regionali. Ciò rientrava nel contesto più chiaro emerso dal riassetto del servizio, essendo rimesso al Prefetto, organo operativo, l'onere di produrre il piano per fronteggiare l'emergenza per tutto il territorio provinciale ex art. 14 comma 1° della legge n. 225/92.
Non ha trascurato poi il legislatore di trattare del "Volontariato" nell'art. 18 e le inerenti prescrizioni di dettaglio sono state, per ovvie ragioni, compatibilizzate con la legge 11 agosto 1991, n. 266.
Una guida sicura nel coacervo di norme e di competenze spero sia il mio GLOSSARIO tecnico-giuridico acronimi ed abbreviazioni di P.C..
 

 

 © 1999 - 2004 Incomm

A cura del: Dott. Pompeo Camero